Cosa fare a Napoli e a cosa fare attenzione

Napoli rientra tra le città più belle e visitate d’Italia. Ma cosa fare a Napoli? Cosa vedere? Quali attrazioni visitare quando si passa per la città partenopea? Le attività che si possono svolgere a Napoli sono davvero numerose e si adattano alle esigenze delle famiglie, dei giovani, degli amanti dell’arte o della movida.

Vediamo ora cosa fare a Napoli, ma anche cosa non fare a Napoli.

Cosa fare a Napoli

Napoli è una città portuale ricca di storia e meraviglie tutte da scoprire. Con alle spalle secoli di invasioni, saccheggi, battaglie, ma anche grandi imprese, Napoli è il cuore dell’Italia, la città più viva e con le tradizioni più veraci. Tuttavia, alcuni turisti che provengono da altre parti del Paese, a volte si sentono un po’ spaesati quando arrivano qui.

L’Italia è un paese che cambia molto da regione a regione, ma è anche vero che Napoli è la città più unica e inimitabile dello Stato. Accanto alle visite ai luoghi più belli della città, i turisti dovrebbero entrare in contatto con il calore partenopeo, ma occhio ad alcuni malintesi e intoppi.

Passeggiare attraverso la Spaccanapoli per il centro

spaccanapoli

Spaccanapoli è una via che taglia in due la città in direzione est-ovest. La strada parte da via Pasquale Scura e finisce in via Tupputi.

Qui è possibile conoscere il vero spirito della città: ci troviamo nel cuore di Napoli, tra chiese storiche, opere d’arte religiose, i tradizionali presepiali, negozi di souvenir e il famoso ospedale delle bambole.

Visitare la Cappella Sansevero e Cristo Velato

cristo-velato

Vicino alla piazza centrale di San Domenico, si può ammirare la Cappella di San Severo, il cui punto nevralgico è il dipinto della Beata Vergine. Qui, nel tempo, si sono riuniti numerosi pellegrini.

Al centro della Cappella si può ammirare la statua del Cristo Velato, una rappresentazione di Gesù deposto dopo la crocifissione con sopra di sé un velo che sembra vero, ma in realtà è scolpito nel marmo. 

La vena pulsante sulla fronte e i buchi ai piedi e alle mani sono molto riconoscibili dalla statua, così come il movimento della testa finalmente girata di lato in accettazione della morte.

Shopping in Galleria Umberto

galleria umberto

La Galleria Umberto I di Napoli, che si erge sopra le trafficate Piazza Trieste e Trento, è uno dei più bei esempi di architettura ottocentesca in Italia.

Questo grandioso centro commerciale fu costruito tra il 1887 e il 1890 e ricalcava in molti aspetti la famosa Galleria Vittorio Emanuele II di Milano, inaugurata con grande successo nel 1875. Chiamata così in onore del Re d’Italia, la Galleria Umberto I fu una delle molte opere architettoniche importanti costruite durante il periodo di rinnovamento urbano di Napoli alla fine del XIX secolo.

Una volta entrati, lo sguardo viene immediatamente attratto dall’imponente cupola di vetro che svetta per 56 metri. La cupola in ferro e vetro è opera di Paolo Boubée e il suo design è stato influenzato dalla Galleria di Milano e dai passaggi coperti di Parigi. Se la vista dall’alto è spettacolare, non perdetevi i pavimenti in marmo, soprattutto al centro della Galleria, dove si trova una bussola con le direzioni cardinali circondata dalle rappresentazioni dei segni zodiacali.

Visitare la Napoli Sotterranea

napoli sotterranea

Non tutti lo sanno, ma sotto la città sopravvive una rete di cunicoli scavati e utilizzati dall’uomo per diversi scopi nel corso della storia. Ci sono diversi siti da poter visitare con una guida, come la Galleria Borbonica, i cunicoli del centro storico, la Crypta Neapolitana e altri interessanti luoghi nel sottosuolo.

Visitare il murales di Maradona

murales maradona

Un murale di Diego Maradona dipinto nel 1990 si affaccia su una piccola piazza dei Quartieri Spagnoli. Dipinto a blocchi di colore piatto, il calciatore argentino è raffigurato mentre indossa la divisa celeste della SSC Napoli e i suoi capelli neri e bacchici spiccano sul tufo fatiscente del condominio.

Sotto il murale compaiono fotografie, dipinti e poster della star, immagini che si accumulano dal momento in cui Maradona ha portato la squadra di calcio del Napoli a vincere due scudetti senza precedenti, prima nel 1987 e poi nel 1990. Luogo ormai di culto sopratutto dalla morte del calciatore, da visitare per respirare la passione della città.

Indirizzo: Via Emanuele de Deo, 46

Visitare i Castelli napoletani

castel dell ovo

Essendo una città affacciata sul mare, Napoli nel corso della storia è stata soggetta alle minacce degli invasori e ha dovuto costruire dei sistemi di difesa. Ecco come sono nati i tre castelli più imperdibili di Napoli. 

Castel Nuovo 

Castel Nuovo, chiamato anche Maschio Angioino, si trova in Via Vittorio Emanuele III. La struttura originaria risale al XIII secolo, quando Napoli era capitale del Regno di Sicilia. Oggi il Castello ospita un museo imperdibile ed è una testimonianza di storia e guerra.

Castel dell’Ovo 

Il curioso nome di questo edificio proviene da Virgilio, il quale scrisse che la struttura del castello regga solo per la presenza di un uovo nelle fondamenta. Castel dell’Ovo si trova in via Eldorado 3 e sorge su un isolotto naturale, propaggine naturale del Monte Echia.

Castel Sant’Elmo

Da Castel Sant’Elmo si può godere della migliore vista su Napoli e sul Golfo. Si trova sulla collina del Vomero e ospita un complesso museale. Di origine medievale, è oggi visitabile con pochi euro.

Visitare la Fenestella di Di Giacomo a Marechiaro 

fenestella marechiaro

Se ci si trova a Napoli, non si può evitare una visita a Marechiaro, borgo di Posillipo, noto per la Fenestella di Salvatore Di Giacomo, da cui l’autore prese ispirazione per una delle canzoni partenopee più famose della storia.

Foto a Palazzo Mannajuolo

palazzo Mannajuolo

Il Palazzo Mannajuolo si trova in via Filangieri, nel quartiere Chiaia, e piace molto ai turisti per via della sua originale forma architettonica. Sia fuori che dentro presenta un’estetica liberty molto affascinante, ma è soprattutto la scala elicoidale che merita una fotografia dall’alto.

Indirizzo: Via Gaetano Filangieri

Fotografare la stazione Toledo

stazione toledo

La stazione Toledo rientra tra le più belle metropolitane del mondo. Si trova in zona San Giuseppe e presenta dei giochi di luci, mosaici, dipinti molto affascinanti. Anche se non si ha la necessità di prendere un treno, è bene scendere in questo luogo magico e lasciarsi incantare dai colori e dall’atmosfera artistica.

Provare la pizza napoletana

Ovviamente non si può passare per Napoli, patria della pizza, senza provare quella vera e autentica. Di pizzerie ce ne sono veramente di numerose, tutte italiane e tradizionali. Non importa se si tratta di locali raffinati o take away, l’importante è che siano aperti da molto tempo, gestiti da napoletani veraci e soprattutto consigliati dalla gente del posto.

La pizza napoletana si distingue per un impasto morbido, con una crosta alta, gustoso pomodoro a chilometro zero e l’inconfondibile mozzarella campana. Fresca e deliziosa, la pizza di Napoli conquista tutti i palati.

Provare il babà, il gelato e le sfogliatelle

Napoli, comunque, non è solo patria ufficiale della pizza, ma anche di tante altre specialità gustose e dolci.
Il babà è il dolce più famoso, imbevuto nel rum per dare un tocco alcolico a un morbido panetto lievitato a regola d’arte.

Goditi, alla mattina insieme al cappuccino, una croccante sfogliatella, possibilmente con ripieno di ricotta. Infine, se visiti Napoli in estate, scopri il favoloso gelato artigianale all’italiana.

Ti può interessare: Le migliori pasticcerie di Napoli

Provare il Cuoppo Fritto

cuoppo fritto

Il cuoppo è un’altra specialità napoletana, che si può gustare al ristorante oppure in uno dei tipici locali di street food. Il cuoppo è servito in un cono di carta per gustare fritti di ogni tipo anche a spasso. All’interno puoi trovare fritti di pesce, di verdura, mozzarelline fritte, crocchè, zeppoline ecc.

Ti può interessare: Dove mangiare il migliore Cuoppo a Napoli

Visitare i musei napoletani 

Napoli è una città ricca di cultura e storia, raccontate da musei che oggi racchiudono tutta l’essenza della città. Tra quelli da non perdere, segnaliamo la Galleria Borbonica, meta principale del percorso avventura nella Napoli sotterranea, ma anche il museo archeologico di Napoli, per scoprire di più sui nostri antenati e sulla storia della città.

Segnaliamo il museo e Real Bosco di Capodimonte, che presenta all’esterno un giardino curato nei minimi dettagli da visitare gratuitamente. Nel museo vero e proprio, invece, si possono ammirare quadri e opere d’arte di artisti che hanno cambiato le sorti delle correnti pittoriche del nostro paese.

Infine, da non perdere, è il museo della Cappella di Sansevero, un viaggio tra dipinti, affreschi, sculture, non solo quella del Cristo Velato, che raccontano la religione cattolica.

Ti può interessare: I musei più interessanti a Napoli

Passeggiare lungo il Petraio

Il Petraio è una zona di Napoli che si trova sopra a Chiaia. Si tratta di un piccolo borgo caratterizzato da scalinate ed edifici in stile Liberty. Questa zona offre una delle passeggiate con il panorama migliore di Napoli.

Camminare in Piazza Plebiscito

Piazza Plebiscito è il cuore di Napoli, in cui spicca la Basilica di San Francesco di Paola. Nello stesso luogo si possono ammirare anche il Palazzo Reale e della Prefettura, ma anche Palazzo Salerno. Dalla piazza si può accedere ad alcuni tunnel della Napoli sotterranea e nella parte centrale spesso si organizzano eventi come concerti e manifestazioni.

Shopping in via San Gregorio Armeno 

via armeno napoli

Via San Gregorio Armeno è una strada del centro storico di Napoli con moltissimi negozi, alcuni tradizionali, altri un po’ più moderni. Qui si possono acquistare souvenir dalle storiche botteghe e gustare uno dei migliori street food d’Italia.

Cosa è consigliato non fare a Napoli

Sebbene Napoli abbia la sua quantità di borseggiatori, per i turisti e i visitatori non è più pericolosa della maggior parte delle grandi città.

La presenza della camorra, la mafia regionale campana, ha un impatto su Napoli a livello sistemico ed economico, ma i suoi effetti sono appena percettibili nell’atmosfera delle aree centrali della città. Per i turisti, Napoli è sicura quasi come qualsiasi altra città italiana, ci sono però alcune cose da prendere in considerazione prima di arrivare in città.

Non Dimenticatevi della mancia

La mancia a Napoli è quasi d’obbligo. I camerieri saranno molto contenti di riceverla e tu farai un’ottima figura. Lascia almeno il 5-10% del conto nei ristoranti più di lusso e almeno 5 euro nelle trattorie.

Anche la vostra guida turistica sarà contenta di ricevere una mancia, perché le darà il segno che siete rimasti soddisfatti del suo servizio.

Non discutete con i parcheggiatori abusivi se ne trovate

I parcheggi sono pieni di parcheggiatori abusivi. Meglio evitare questi luoghi ma, se proprio non si trova di meglio, è bene non essere scontrosi e maleducati, in quanto l’automobilista potrebbe subire danni all’auto mentre si allontana o aggressioni.

La cosa giusta da fare è risalire in macchina e allontanarsi, segnalando poi alle Autorità la presenza di un parcheggiatore abusivo in una certa zona.

Non sfoggiate oggetti di valore e chiudete le tasche

Napoli purtroppo è nota anche per gli scippi. Ne fanno le spese soprattutto i turisti che si imbattono in zone meno affollate e controllate dalle forze dell’ordine. Il consiglio è quello di non mostrare oggetti di valore come macchine fotografiche, cellulari costose, gioielli e di controllare sempre di aver chiuso bene le tasche della giacca e delle borse.

Non salite sui taxi abusivi

A Napoli ci sono tanti autisti che si spacciano per tassisti e non possiedono una licenza. Il rischio è quello di spendere di più per una corsa, oppure che l’autista prenda delle strade poco battute allungando di molto il tragitto. A volte questi abusivi non possiedono neanche assicurazione e patente!

Se un tassista è sprovvisto di tassametro, non salire nella sua auto. Scegli sempre i taxi bianchi e con le insegne del servizio taxi di Napoli.

Non fidatevi dei venditori ambulanti

A Napoli i venditori ambulanti sono più numerosi che in altre città. Possono vendere CD doppiati, borse spacciate per ideate da brand noti, ma anche alimenti, che però potrebbero aver subito danneggiamenti per via della cattiva conservazione.

Quindi, se desideri acquistare qualsiasi cosa, rivolgiti a un negozio autorizzato, anche se i venditori ambulanti sono spesso ottimi imbonitori..

Quanto utile hai trovato questo articolo?

Vota qui

Voto medio 0 / 5. 0

Ci dispiace tu non abbia trovato l'articolo utile.

Dicci cosa ne pensi.

Come possiamo migliorare e cosa ti aspettavi?